Palazzo Menghini


Nel novembre del 1907 l’avvocato Carlo Menghini acquista dalla signorina Ciria Rossi Candrini il terreno su cui sorgerà il futuro Asilo Menghini. L’edificio si presenta a forma di L costruito in parte a un piano, in parte a tre piani, di cui uno interrato. Mediante un corridoio si accede ad un atrio di forma triangolare nell’incontro tra le due ali stesse, entrambe chiuse da vetrate. Esternamente il palazzo si presenta elegante nelle misure delle forme complessive, con corniciature e contorni in cemento attorno alle finestre ad uso decorativo secondo lo stile tardo liberty dell’epoca.

L’Asilo Menghini apre ufficialmente all’inizio del 1910, e durante gli ultimi tempi della II Guerra Mondiale i locali vengono occupati dalle truppe militari di stanza nel paese. Lo stabile viene sgombrato solamente nel 1945, alla Liberazione e dopo un lungo lavoro di ripristino riapre. Nel 1981 l’Asilo versa in una situazione economica precaria, essendo sostenuto esclusivamente dai sussidi degli Istituti Riuniti di Assistenza Minorile. Con il passare degli anni, il patrimonio derivato da tali fondi non permetteva più di effettuare alcun tipo di assistenza. Il 1 settembre l’immobile viene concesso a titolo gratuito in affitto al Comune di Castiglione delle Stiviere.

Attualmente Palazzo Menghini, ex sede dell’Asilo, ospita mostre, eventi, la sede dell’Infopoint e la sala civica del Comune di Castiglione delle Stiviere.




Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Proseguendo nella navigazione acconsenti al loro utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi